NATO: L’INGLESE L’UNICO PROBLEMA PER L’AMPLIAMENTO

Posted on in Politica e lingue 7 vedi

NATO: L’INGLESE L’UNICO PROBLEMA PER L’AMPLIAMENTO
VARSAVIA, 18 MAR. (ADNKRONOS)- L’INGLESE SEMBRA ESSERE RIMASTO L’UNICO PROBLEMA SULLA STRADA DELL’AMPLIAMENTO DELLA NATO A POLONIA, UNGHERIA E REPUBBLICA CECA. UNA VOLTA OTTENUTO IL CONSENSO DELLA RUSSIA, PRESENTATO IL PROGETTO DI LEGGE AL SENATO DEGLI STATI UNITI, DOVE LA RATIFICA DELLA RIFORMA SEMBRAVA DOVESSE INCONTRARE LO SCOGLIO MAGGIORE, LA QUESTIONE ”COMUNICAZIONE” E’ BALZATA AL CENTRO DEGLI INTERESSI DEI MILITARI CONVOLTI NEL PROGRAMMA. NON SOLAMENTE A LIVELLO TECNICO -CON L’ESIGENZA DI RENDERE COMPATIBILI I COSIDETTI SISTEMI ”C-CUBO” (PER COMUNICAZIONE, COMANDO E CONTROLLO), GLI UNICI SU CUI SI DOVRA’ INVESTIRE IMMEDIATAMENTE- MA ANCHE SUL PIANO LINGUISTICO. DOPO ANNI DI COLLABORAZIONE NELL’AMBITO DELLA PARTNERSHIP PER LA PACE FRA MILITARI DEI PAESI CHE UN TEMPO FACEVANO PARTE DEL PATTO DI VARSAVIA CON LA NATO, SOLO UNA PERCENTUALE MINIMA DEI PRIMI PARLA CORRENTEMENTE L’INGLESE. COME RIVELA IL WASHINGTON POST, LA RICHIESTA INVIATA A VARSAVIA, PRAGA E BUDAPEST IN QUESTI GIORNI E’ QUELLA DI MIGLIORARE L’INGLESE DEGLI UFFICIALI.
18-MAR-98




0 Comments

No comments yet
Leaving the first to comment on this article.
You need or account to post comment.