Lettera di Berlusconi ai ministri «L’ italiano all’ Ue. O andatevene»

Posted on in Politica e lingue 35 vedi

Tolleranza zero Contro il trilinguismo (inglese, francese e tedesco) della Commissione

Lettera di Berlusconi ai ministri «L’ italiano all’ Ue. O andatevene»

Il premier: difendete la nostra lingua in tutte le riunioni

DAL NOSTRO INVIATO BRUXELLES – Il premier Silvio Berlusconi lancia la «battaglia a difesa dell’ italiano» nell’ Unione Europea chiedendo ai suoi ministri di attuare una linea da tolleranza zero davanti al mancato rispetto del principio europeista della pari dignità di tutte le lingue ufficiali. Berlusconi l’ ha annunciato con una lettera in cui sollecita «comportamenti omogenei e rigorosi da parte di tutti» per contrastare principalmente la tendenza della Commissione europea a privilegiare il trilinguismo (inglese, francese e tedesco). Il premier sottolinea che l’ Italia sta sviluppando questa strategia in accordo con la Spagna del socialista José Luis Zapatero, creando così il presupposto per ottenere l’ appoggio bipartisan del centrosinistra italiano. Berlusconi considera fondamentale nella costruzione dell’ Europa garantire «pari dignità» anche alle lingue meno parlate e pretende dall’ Ue «il rispetto della loro dignità linguistica e culturale». Aggiunge che «occorre contrastare la prassi avviata dalla Commissione europea di discostarsi in modo crescente da tali principi, introducendo l’ ambigua nozione di “lingue di lavoro” o “di procedura” con l’ effetto di creare una gerarchia tra lingue a vantaggio di inglese, francese e tedesco». In pratica l’ Italia ribadisce che la prassi dell’ istituzione guidata dal portoghese José Manuel Barroso non è prevista dai Trattati (che mettono sullo stesso piano tutte le lingue dell’ Ue), come aveva rivelato il Corriere informando sui danni politici, economici e culturali provocati dalle penalizzazioni dell’ italiano a Bruxelles. Il premier chiede di opporsi all’ azione della Commissione a favore del trilinguismo con «il costante monitoraggio del regime applicato agli incontri in ambito Ue» e con «l’ impugnazione davanti alla Corte di Giustizia di specifici atti della Commissione». Esorta i suoi ministri a controllare che «i comportamenti delle rispettive Amministrazioni siano pienamente coerenti con tale strategia». Li invita a non trascurare le riunioni informali dei ministri dei 27 Stati membri, che si tengono nel Paese della presidenza di turno dell’ Ue, «per le quali si dovrà vigilare che venga garantito l’ interpretariato attivo e passivo per l’ italiano, fino a contemplare la concreta possibilità di non partecipare alla riunione nel caso che tale soluzione non venga garantita o qualora vengano utilizzati regimi linguistici ristretti discriminatori per l’ italiano». Ai ministri e ai dirigenti dei dicasteri chiede anche di «evitare di partecipare a discussioni o votazioni ogni volta non si disponga dei documenti di lavoro nella nostra lingua». Berlusconi ha assegnato al ministro degli Esteri, Franco Frattini, la guida sul campo della «battaglia a difesa dell’ italiano». Ma il primo a trovarsi in sintonia è risultato il nuovo membro della Commissione, Antonio Tajani del Pdl, vicepresidente e responsabile Ue per i Trasporti, che ha imposto l’ italiano come lingua di lavoro del suo gabinetto di Bruxelles. E ha chiesto di sostituire la sua auto di servizio tedesca con una italiana. * * * «Pari dignità» «Contro la Commissione» La lettera spedita dal premier ai ministri (nel tondo, la firma). «Occorre – scrive Berlusconi – contrastare la prassi della Commissione di discostarsi in modo crescente dai principi» della parità linguistica. «Introducendo l’ ambigua nozione di “lingue di lavoro” o “di procedura” – continua il premier – si ottiene l’ effetto di creare una gerarchia a vantaggio di inglese, francese e tedesco». Nell’ Ue ci sono 27 Paesi e gli idiomi ufficiali sono 23

Caizzi Ivo

Pagina 14

(13 luglio 2008) – Corriere della Sera[addsig]




0 Comments

No comments yet
Leaving the first to comment on this article.
You need or account to post comment.